sabato 2 agosto 2014

La passione per gli animali e la natura





Mamma, pozzo pottarlo a cassa? Mi pace motto quetto gattino, pozzo pottallo a cassa?”
Come mi ritrovo in questa richiesta di Andrea. Da piccola ho chiesto un cane dall'età della parola e prima di riuscire a conquistarne uno, a undici anni, i miei genitori mi hanno consentito di tutto. Tenere per un'estate Matisse, una giovane femmina di coniglio (abbiamo scoperto il sesso solo dopo averle dato il nome a cui ormai ci eravamo affezionati), due paperotti – naturalmente il più grande era di mio fratello Tomaso e il più piccolo seguiva il più grande, che seguiva Tomaso! – e ancora canarini, pulcini. E persino uno scoiattolo. Erano gli anni Settanta ed era “normale” trovare uno scoiattolo rosso al mercato, a Milano. Ora la specie è super protetta. Meno male.

E così, un animale via l'altro, tenuto con il massimo rispetto – grazie a uno sguardo attento dei miei genitori – o riportato ai legittimi proprietari se ne combinavamo qualcuna di troppo (come nel caso del piccolo scoiattolo, a cui abbiamo fatto una doccia improvvisata, e che mia mamma, dopo averlo tranquillizzato e asciugato ha riportato al venditore di animali). Animale dopo animale la mia passione è cresciuta sempre più. Sono cresciuta a pane e Quark, i primi anni in cui le trasmissioni avvenivano il primo pomeriggio e in cui ho scoperto Gerald Durrell e deciso, alle medie, che avrei fatto la scienziata. Complice forse un'insegnante di scienze che, come tutti i Maestri di vita, mi ha appassionato alla Natura. E la passione è aumentata e si è concretizzata in una laurea in scienze biologiche, dove ho incontrato altrettanti maestri, sia delle materie preferite (Giulio Melone, per zoologia e zoologia II - che ho avuto anche il piacere e l'onore di avere come relatore alla mia tesi -, Aldo Zullini per Zoogeografia e il mitico e insuperabile Marco Ferraguti per Evoluzione biologica) sia per discipline che a priori non mi avrebbero detto gran ché (es Francesco Nicotra per chimica organica).
Spero che i miei figli possano incontrare persone che li facciano appassionare, non solo a quelle che diventeranno materie di "lavoro" ma anche a quelli che diventeranno gli interessi che uno ha nel corso della sua vita. Per ora Marco ha trovato lungo la sua strada educatrici creative e attente alla persona, alla scuola materna, tre meravigliose insegnanti (Anita, Laura e Lina), che mettono al centro i bambini, alla scuola primaria. Andrea seguirà per ora le fortunate orme del fratello (quanto a scuola infanzia). E speriamo che sia solo l'inizio di tante giornate appassionanti.









Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto questo articolo e pensi sia utile condividilo con i tuoi amici. Grazie!