martedì 29 novembre 2016

"Natale su tutti i piani" di Marie-Aude Murail e Boiry, Camelozampa


Manca poco meno di un mese al giorno più amato da tutti i bambini e "Natale su tutti i piani" (qui il link alla scheda e al booktrailer) della scrittrice francese Marie-Aude Murail, illustrato da Boiry (pseudonimo di Véronique Cau), edito da Camelozampa, riporta grandi e piccini a un'atmosfera lontana nel tempo, di dickensiana memoria. Non a caso l'autrice ha dichiarato spesso di essere una fan di Dickens, che l'ha fatta innamorare della lettura (qui il suo intervento a Mare di Libri).

Proprio all'amore della lettura è dedicato questo poetico racconto che ci porta nel 1843 e ci fa entrare nella casa di due giovani orfani, Jeanne, 16 anni, e suo fratello Hugues, che diventa sempre più debole ogni anno che passa e i cui "9 anni tremolano come la fiamma di una candela".

Jeanne per vivere fa la sarta, come sua madre, ma oltre a dover sbancare il lunario e cercare di mandare avanti la casa, ha un enorme peso sulla coscienza. Ha infatti promesso al fratello che gli avrebbe insegnato a leggere, ma anche lei è analfabeta.

Destino vuole che proprio nella casa del primo piano, dove regnano opulenza e maleducazione, Jeanne - dove deve consegnare due soprabiti per i figli dei Lenormand - trovi un piccolo tesoro: un libro lanciato e abbandonato dal paffuto Ferdinand, che trova noioso leggere in vacanza, ne fa cadere ai suoi piedi un altro "nel bel mezzo dei soprabiti buttati a terra durante la prova". La tentazione è troppo forte e l'idea di portare gioia al fratello che non desidera altro è grande. Infatti "Hugues ha fame di libri".

Nonostante si senta una ladra, al vedere una fiamma riaccesa negli occhi del fratello malato, che "con gesto appassionato stringe il libro al petto magro", la giovane sa di aver fatto bene.
Solo, chi li potrà aiutare a decifrare quelle lettere sconosciute?


Sotto invito del fratello Jeanne si fa coraggio e chiede un aiuto a Paul, un giovane medico che passa le sue serate a divertirsi, ma non smette di essere galante quando la incontra sul pianerottolo perché nonostante tutto "è un sognatore". Non solo le legge il titolo del libro, ma le sarà di grande aiuto quando, la ragazza si troverà in difficoltà dai Lenormand, che sono in cerca del volume perduto, non svelando il suo segreto.

Il Natale è alle porte.
Nel caseggiato regna l'allegria, solo nella mansarda dei ragazzi l'aria è pesante. Jeanne vorrebbe festeggiare e pensa che per rallegrare il fratello di preparare un vero cenone. Ma i soldi scarseggiano.

Per questo vende il volume tanto prezioso. Si accorgerà presto che il fratello aveva fame e sete di sapere, non di cibo, e al pensiero di essere senza il libro, si lascia cadere apatico nel letto.

La situazione sembra precipitare, ma in soccorso verrà proprio il giovane Paul. Non solo il giovane medico ristabilirà le sorti di Hugues, facendolo pian piano tornare in salute, ma entrerà per sempre nella vita e nel cuore dei due ragazzi, grazie ai libri e alla scrittura.

Un libro da leggere e gustare, specie di questi tempi in cui la lettura non è spesso considerata così importante; è un invito a farsi conquistare dalle storie, a credere nel potere salvifico dei libri e nel valore delle cose davvero preziose.

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto questo articolo e pensi sia utile condividilo con i tuoi amici. Grazie!