martedì 20 settembre 2016

"Non voglio andare a scuola" e "NONtiplicazioni" di Stephanie Blake, Babalibri



Non voglio andare a scuola e NONtiplicazioni dell'autrice Stephanie Blake, editi da Babalibri (qui e qui i due link), sono due albi divertenti e scanzonati che aiutano bambini e genitori ad affrontare il ritorno a scuola. Ne hanno già parlato in molti, ma forse per chi non li conosce ancora può essere un modo diverso per ricominciare.


Nel primo albo, adatto sia a chi ha problemi di inserimento alla scuola dell'infanzia, sia alla scuola primaria, il giovane coniglio Simone non ha - come quasi tutti i bambini - voglia di iniziare. I cambiamenti, si sa, ci terrorizzano e ognuno ha il suo modo per affrontare le paure.

Il suo unico modo è un estremo rifiuto "No, non voglio!" (le frasi spesso ripetute, sono una specie di "leitmotiv" o mantra di vari libri di questa autrice ironica, che piace tantissimo ai giovani lettori, a partire dal primo albo ormai storico "Caccapupù").
Inutile cercare di convincerlo.


Simone ha paura e lo dimostra in questa scena esilarante durante la notte che passa cercando di autoconvincersi, per poi cedere alla paura. Un loop infinito che lo tiene sveglio finché alla fine non cerca aiuto nella mamma: ma anche le sue rassicurazioni, perché per lei è sempre il suo Superconiglio capace di affrontarne di ogni, non sembrano bastare: proprio non ce la fa.


E così al mattino ricomincia l'ansia - chi ogni giorno non li ha vissuti o li vive con i propri figli? - che sale e la risposta è sempre la stessa "No, non voglio!".
Inutile cercare i trovare razionalmente un modo per tranquillizzarlo. Ognuno deve trovare in sé - certo, confortato dall'amore dei genitori - il suo modo per affrontare le proprie paure. E il modo migliore spesso è semplicemente vivere e agire.


Infatti, finalmente a scuola, Simone scopre che può fare tante cose e che non sono poi tanto male.

E cosa dirà alla mamma quando andrà a prenderlo? Ai lettori un po' di suspance e di divertimento!

Visto il grande successo di questo titolo, potete trovare l'albo sia nella sua versione cartonata, sia nella collana Bababum (link), in formato tascabile.



NONtiplicazioni affronta il tema delle tabelline, un tasto sempre "delicato" per alcuni bambini e bambine. Alla prima interrogazione in classe Simone è l'unico a sbagliare e, naturalmente, i compagni non perdono tempo a prenderlo in giro e denigrarlo.

La frustrazione è grande e quando esce da scuola non ha voglia di parlare, anzi dice convinto al papà che "la scuola non serve a un bel niente" (alzi la mano chi non se lo è sentito ripetere almeno una volta dal proprio figlio, a meno di avere un piccolo genio o un cuor contento).


Simone sempre più mortificato dalle domande dei genitori si sfoga - come è tipico - urlando e sbraitando contro una povera merenda, che altrimenti avrebbe ben apprezzato e gustato.


La rabbia non scompare quando sale in camera, anzi cresce cresce sempre più finché la mamma "finalmente" non gli pone più domande generiche - che purtroppo facciamo spesso al rientro da scuola, curiose e ansiose di sapere com'è andata - ma si mette semplicemente in ascolto, prendendolo in braccio. E lui svela il grande segreto: non capisce le tabelline.
Quello che sembrava un ostacolo insormontabile detto ad alta voce forse fa un po' meno paura, in particolare se a rassicurarci c'è qualcuno che ci sta accanto. Spinto da questa iniezione di fiducia Simone si mette d'impegno ma cede urlando "Detesto le NONTIPLICAZIONI" (e il fratellino Gaspare che gli fa da pappagallo ripetendo a suo modo "NOTIPICATONI").


Ma come si sa a volte la notte porta consiglio. Bisogna darsi tempo. E trovare il proprio sistema per imparare (non ce n'è uno che vale per tutti!). Simone inizia a prendere il suo sacchetto di biglie, le conta, le suddivide, le somma, le moltiplica. Insomma, al posto di vedere semplicemente dei numeri ne vede le possibili implicazioni pratiche.


Il giorno dopo il successo è assicurato. La soddisfazione è alle stelle.

La nostra famiglia segue le avventure di Simone dal primo libro e se vi piace questo personaggio, non lasciatevi sfuggire i vari titoli che possono accompagnarvi nella crescita dei vostri bambini. Con un disegno molto semplice, pagine colorate e accese e un testo grande, questi albi sono anche perfetti per le prime letture o per una lettura del fratello più grande a quello più piccolo.

Su Libri e Marmellata e Milkbook altre due bellissime recensioni: qui e qui.

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto questo articolo e pensi sia utile condividilo con i tuoi amici. Grazie!